UmbertoBraccili.it

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Si accomodi

da "andreariscassi.it" :Firma per un martire della mafia

E-mail Stampa PDF

Bellissimo lo  speciale di Rainews su Placido Rizzotto, cui – a 64 anni dall’uccisione da parte della mafia e a pochi giorni dal rinvenimento dei resti – saranno concessi i funerali di Stato anche grazie alla mobilitazione su twitter (e all’impegno di David Sassoli – e dell’esecutivo): http://www.unita.it/italia/funerali-rizzotto-sassoli-dal-br-web-a-l-unita-testimonianza-di-civilta-1.392347

Sul canale all news della Rai (in una serata dalla concorrenza devastante fatta di calcio e Porta a Porta con Bersani) dopo l’approfondimento è stato mandato in onda il film “Placido Rizzotto”:

http://youtu.be/z9OWUWLLWzY

Dopo i funerali di Stato, ora da Articolo21 è partita la richiesta che le esequie si tengano proprio a Corleone:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/03/20/rizzotto-funerali-corleone/198716/

Questo l’appello da firmare:

http://www.articolo21.org/114/appello/appello-a-monti-organizzi-a-corleone-i-funerali.html

 

Poi bisognerà cercare di andare ai funerali. Di Rizzotto, che ha pagato con la vita la sua battaglia sindacale:

Ultimo aggiornamento Lunedì 09 Aprile 2012 16:39 Continua la lettura

Allarme petrolio.Una bella intervista su "giulianovailbelvedere.it"

E-mail Stampa PDF

No all'Italia petrolizzata

 

Maria Rita D'Orsogna: «In Senato mi hanno ascoltato, in Abruzzo no»

di Ludovico Raimondi

 

Giulianova, 28.01.2012 - Abbiamo raggiunto Maria Rita D'Orsogna, la docente lancianese docente di Matematica presso l'Università della California a Los Angeles e promotrice della battaglia "No all'Italia petrolizzata", per un'intervista sull'esito e sulle prospettive dell'audizione alla quale ha partecipato presso la Commissione Ambiente e Industria del Senato lo scorso 18 gennaio. Ringraziamo la Professoressa per la solita disponibilità che ne rivela l'umiltà, lo spessore intellettuale e la genuinità della passione e della determinazione con le quali conduce la sua azione, lodevole indipendentemente dalla posizione di ciascuno.

- Professoressa D'Orsogna, come è nata la sua convocazione da parte della Commissione Ambiente del Senato?

Ultimo aggiornamento Martedì 31 Gennaio 2012 21:55 Continua la lettura

Minimal CInema a Bologna

E-mail Stampa PDF

 

In the fabulous underground”, documentario prodotto da Minimal Cinema che vede protagonista Anton Perich (fotografo di Andy Warhol ed inventore della painting machine), sarà presentato giovedì 12 gennaio 2012alle 18:30, presso la galleria “Ono Arte Contemporanea” di Bologna.
Si terrà il prossimo giovedì 12 gennaio 2012alle 18:30presso la galleria “Ono Arte Contemporanea” di Bologna, la presentazione del documentario “In the fabulous underground”, mediometraggio incentrato sulla figura dell’artista 
Continua la lettura

La storia del Borsacchio,prima parte

E-mail Stampa PDF

di Franco Sbrolla

 

La Riserva naturale Borsacchio parte prima: la storia e la cultura

Sul destino della Riserva naturale regionale guidata Borsacchio pendono, come spade di Damocle, ben tre proposte di legge che vorrebbero riperimetrarla o cancellarla.Approssimandosi il dibattito presso la II Commissione regionale, ho ritenuto opportuno riepilogare alcune tematiche, tratte dall’e-book “La storia di Roseto e della Riserva naturale Borsacchio”, pubblicato nel portale http://www.francosbrolla-roseto.it.Seguirà la parte seconda riservata al paesaggio e all’ambiente.La terza parte  sarà dedicata ai reati perpetrati dentro la Riserva ed ai politici, di centrosinistra e di centrodestra, che hanno favorito, e continuano a favorire la  Consorteria degli Affari.Per quanto concerne l’area Tordino – Borsacchio, il ritrovamento dello splendido elmo a fasce del tipo Bandenhein, avvenuto nei pressi di Cologna nel 1896, e la forte presenza dei goti tra Abruzzo e Marche, inducono a ritenere, come ha scritto la prof.ssa Luisa Franchi dell’Orto, che la guerra con i Bizantini (535 – 553) si svolse anche nel nostro territorio.I Goti, popolazione germanica, erano suddivisi in due rami, ostrogoti e visigoti. Gli Ostrogoti, dopo aver varcato le Alpi nel 489 d.C., occuparono tutta l’Italia e nel 535 cominciarono a scontrarsi con gli eserciti dell’imperatore Giustiniano, comandati dai generali Belisario e Narsete.Come racconta lo storiografo Procopio di Cesarea, testimone oculare in quanto consigliere di Belisario, nel 537 i bizantini, dopo aver conquistato Roma e oltrepassato l’Appennino, devastarono il territorio dell’attuale Alba Adriatica e nel 538 dilagarono nel Piceno da Rimini fino a Ortona.Quell’armatura, i manufatti in bronzo e rame ed i resti equini, recuperati in una specie di  ripostiglio nel podere della famiglia Savini, sono verosimilmente da attribuire ad un cavaliere goto, che dovette abbandonare tutto per sfuggire alle schiere bizantine.L’elmo ostrogoto di Cologna, impreziosito da una decorazione figurata con motivi di origine germanica, quali l’aquila, simboli cristiani, tralci di vite e archi sorretti da colonne, è tuttora

Ultimo aggiornamento Martedì 03 Gennaio 2012 16:12 Continua la lettura

Borsacchio di Roseto: per ora nente riperimetrazione

E-mail Stampa PDF

DA WWF, ITALIA NOSTRA E COMITATO PER LA RISERVA DEL BORSACCHIO

La Riserva del Borsacchio, nonostante tutto, resiste!

Perché tanta insistenza da parte di alcuni campeggiatori per uscire dalla riserva?

 

Ancora una volta la Riserva Naturale del Borsacchio ha resistito agli attacchi di chi vorrebbe eliminare dal suo perimetro le aree più appetibili.

Nel corso dell’ultimo consiglio regionale, grazie all’azione portata avanti dai Consiglieri Regionali Maurizio Acerbo, Walter Caporale, Cesare D’Alessandro ed Antonio Saia fino a tarda notte, si è riusciti a bloccare la riperimetrazione della riserva

In occasione del dibattito in aula, Italia Nostra, WWF ed il Comitato Cittadino per la Riserva Naturale Regionale del Borsacchio avevano inviato a tutti i Consiglieri Regionali una nota nella quale, grazie ad una relazione tecnica prodotta dai Professori dell’Università de L’Aquila, Gianfranco Pirone e Giovanni Pacioni, hanno elencato le ragioni che impongono la conservazione di questa importante area, comprendente uno degli ultimi tratti di costa sabbiosa rimasti liberi dalla cementificazione.

Ultimo aggiornamento Venerdì 25 Marzo 2011 19:35 Continua la lettura

Pagina 1 di 3

  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »
You are here: Si accomodi

Usiamo i cookies per migliorare la tua esperienza sul nostro sito. Per maggiori informazioni, visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information