La solita burocrazia

Era il marzo del 2015 , forti piogge e il terreno che si risveglia e inizia a muoversi. Parte una enorme frana a Villa Popolo di Torricella Sicura . La tecnologia aiuta a studiare il fenomeno. Satelliti che da lassu’ con punti di riferimento sul terreno evidenziano gli smottamenti.
Da pochi giorni lavori sono iniziati. Enormi pali messi nel terreno si oppongono al lento scivolare a valle del terreno che , ad esempio dopo le nevicate del 2017 , andavano giu’ a due o un centimetro la settimana. L’ok ai lavori e’ arrivato a fine dicembre 2018 , ultimo mese utile per non perdere i finanziamenti che esistevano da due anni. Insomma la burocrazia  è’ andata piu’ lenta della frana facendo comunque piu’ danni della frana stessa. Infatti tre case non saranno ricostruite poiche’ ormai completamente distrutte. Tra queste anche l’abitazione di una straniera che aveva investito a Villa Popolo dove si vive benissimo anche se oggi gli abitanti sono solo cinque. Sono fuggiti tutti. Villa Popolo e’ circondata da boschi, a due passi da Torricella Sicura e a quattro da Teramo. Meravigliosa per chi vuole riposare. E poi la storia ha regalato al piccolo borgo una chiesetta bellissima. E’ dedicata a  San Bartolomeo . Costruita nel seicento ha un tetto con travi in legno e ben 110 mattonelle dipinte a mano intorno alla metà del ‘600. ” Qualcuno viene per visitarla” ci dice Enrico D’Andrea responsabile della Pro Loco in possesso delle chiavi della piccola meraviglia che in qualsiasi regione con vocazione turistica creerebbe Pil associato. ” una coppia ha chiesto di sposarsi qui” . La chiesa apre su richiesta. Nel senso che se i cinque abitanti sono tutti senza influenza un religioso sale fino qui per dire la messa , in caso contrario , niente. Anche questo unico segno di socializzazione, la messa, va rinviata. ” Dica che la chiesa e’ rimasta quasi indenne dal terremoto del 2016 perche’ anni prima la sovrintendenza era intervenuta” continua Enrico anche se tiene a precisare che qualche crepa superficiale esiste, vicino alla statua di San Gabriele e andrebbe messa a posto. Dietro l’altare c’e’ la statua di San Bartolomeo, alla sua destra Sant’Antonio e alla sinistra il Santo Giovane. Le loro preghiere sono riuscite dopo quattro anni a fermare, forse, una frana che ha spopolato il borgo. Per la chiesa….si stanno attrezzando.